pints and crafts

Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem ei est. Eos ei nisl graecis, vix aperiri elit

Get social:

Image Alt

Il Territorio

La Via Priula...

La via Priula è una strada del XVI secolo di importanza strategica e commerciale che collega la città di Bergamo a quella di Morbegno.

Un tempo usata come direttrice commerciale, ora è percorribile su itinerari escursionistici recentemente rivalorizzati dalle amministrazioni locali.

L’itinerario della Val Brembana percorribile ai giorni nostri parte da Mezzoldo e sale fino alla Cà San Marco; è ricco di testimonianze monumentali, culturali, specialità gastronomiche, accoglienti locande e alberghi.

...un po' di storia

La Via Priula fu costruita nel 1593 per ordine del podestà di Bergamo, Alvise Priuli dopo una serie di studi volti ad individuare il tracciato ideale per tale opera che doveva superare la catena montuosa delle Orobie senza passare per i territori ostili del Ducato di Milano: la strada partiva da Porta San Lorenzo a Bergamo e risaliva la val Brembana superando le gole della zona di Sedrina, i paesi di Zogno, San Pellegrino e San Giovanni Bianco.

A Piazza la strada passava sotto a porticati ed antichi lavatoi, per poi raggiungere Olmo, quindi Mezzoldo e salire rapidamente fino al passo San Marco (1991 metri). La discesa verso la Valtellina toccava il paese di Albaredo, per arrivare a Morbegno.
L’itinerario si congiungeva con altre vie commerciali, fino a raggiungere la Svizzera, attraverso la Val Bregaglia e l’Engadina.

La via Priula svolse il suo compito di direttrice dei commerci tra le due zone fino al XVIII secolo.

La Via Priula

Antico percorso di merci, uomini e idee, valicava le Prealpi Orobie puntando diretto il Nord. Così noi puntiamo a Nord e alle sue tradizioni birraie, ma con l’aspirazione di creare nel tempo dei prodotti unici legati al nostro territorio.

San Pellegrino Terme e la valle Brembana

San Pellegrino Terme, capitale dello stile liberty e rinomata località climatica e termale, è conosciuta in tutto il mondo per la presenza delle fonti dell’omonima acqua.
Considerata la capitale della Val Brembana, conserva importanti testimonianze della Belle époque in perfetto stile liberty, come il Casinò e il Grand Hotel.

Le recenti rivalorizzazioni della zona hanno portato alla costruzione del nuovo centro termale QC Terme S. Pellegrino, alla riapertura dell’antico percorso della ferrovia della Val Brembana con l’allestimento della ciclovia valle brembana, alla ristrutturazione del Casinò e al progetto di futura rinascita del Grand Hotel.
San Pellegrino e l’intera Valle Brembana offrono innumerevoli possibilità esplorative, sia culturali che naturalistiche.